In mezzo al lago

... li in mezzo al lago erano entrambi davvero quasi immateriali, e avevano una naturale percezione della loro stessa irrilevanza."
W.G.Sebald in "Vertigini" - pag. 143 -

Un animale
è l'uomo, circonfuso
di profondo cordoglio,
avvolto in un mantello nero
di pelliccia nera
foderato
Sebald, Secondo natura - pag.54

.wgsebald.de/stamp -

"Giungemmo a Lucerna e mi condussero sul lago in barca. Comprendevo la sua bellezza, ma, nello stesso tempo, mi sentivo molto oppresso... Provo sempre un senso di pena e di inquietudine, quando contemplo per la prima volta un simile quadro della natura: ne sento la bellezza ma mi riempie di angoscia." L'Idiota di Dostoevskij

mare

Osservavo i balestrucci, sorprendentemente numerosi, che volavano altissimi intorno alle scogliere rosso fuoco, dalla zona solatia veleggiavano verso quella ombrosa e dall'ombra si precipitavano come dardi nella luce, e così anch'io, in quel pomeriggio, che mi ispirava un senso di liberazione, e ai miei occhi pareva senza confini, mi lanciai a nuoto verso il mare aperto. Sebald - Le Alpi nel mare - pag.30

Nella parte settentrionale del mondo ho trovato un rifugio
nella parte ventosa, dove gli uccelli, volando giù
dalle rocce, si riflettono nei pesci e scendono a dar di becco
fra i gridi su una superficie di screziati specchi.
  Iosif Brodskij

Colui che si spande come una sorgente, viene conosciuto dalla conoscenza” (Rainer Maria Rilke). qui - poesie -